Skip to content

PMI 1a puntata – il segreto della competitività

14.12.2022

Piccolo” era un punto di forza negli anni ’70-’80 perché rappresentava un modello di specializzazione flessibile con un ruolo complementare alla grande industria. Poi negli anni ’90 la PMI è diventata una realtà predominante nel panorama economico italiano, con lo sviluppo del modello dei distretti.  Negli anni 2000 l’Italia si ritrova con troppo poche imprese grandi e medie, un modello di specializzazione produttiva inadeguato dovendo confrontarsi sia con i tradizionali competitor che con quelli “nuovi”, vedi Cina).  Cristiano Ghiringhelli e Luciano Pero nell’interessante opera “Le PMI in Italia – Innovazione, strategie, modelli organizzativi”

(Apogeo, Trento 2010) affrontano il tema partendo dal dibattito tra due prospettive: PMI come vincolo allo sviluppo economico italiano o come valore e risorsa distintiva?

I motivi addotti da chi sostiene la prospettiva del vincolo allo sviluppo sono:

la governance per lo più familiare

la specializzazione produttiva in settori ad alta competizione da parte dei Paesi emergenti

la scarsa possibilità di promuovere innovazione e sostenere spese R&S

l’insufficiente grado di apertura agli investimenti diretti esteri e di livello

insufficiente livello di internazionalizzazione

forte dipendenza dal credito bancario: no venture capital, no trasparenza infrastrutture e delle norme di quotazione in borsa

ostacoli burocratici e legislativi.

Chi invece propende per la seconda prospettiva riconosce alle PMI

Una spiccata inclinazione a interpretare le contingenze e attivare risposte organizzative molto più veloci rispetto alle grandi imprese

Eccellenza nel made in Italy e alto contenuto tecnologico

Condivisione di conoscenze, relazioni interpersonali e capitale sociale sedimentato nel territorio

Genialità nelle strategie di nicchia

Abilità nelle produzioni su misura.

Una terza prospettiva consiste nell’indagare le relazioni di complementarietà tra piccola, media e grande impresa e le possibili direzioni di intervento per far evolvere il sistema produttivo in questa direzione. In linea con questo approccio Ghiringhelli e Pero indagano i temi chiave della questione. Ciò che soprattutto è interessante, a mio parere, è il fatto che gli autori non espongono unicamente una mera disanima dei problemi (che di per sé sarebbe comunque di valore), ma offrono spunti di partenza concreti dai quali imprenditori, manager, attori della pubblica amministrazione e in generale tutti gli stakeholder possono riflettere e prendere decisioni strategiche e operative immediate.

Dunque mi propongo in questo e nei prossimi post di presentare i punti salienti dell’opera, con l’invito ad approfondire con la sua lettura il tema che si percepisce come prioritario per la propria realtà.

Tanto per iniziare, «i deficit del sistema Paese sono sassi che inceppano lo sviluppo: crediti incassati con tempi biblici, banche che non danno credito, problemi di liquidità per le PMI. Senza buona finanza non si cresce». Senza investimenti è difficile fare innovazione. Però gli autori nell’ampia ricerca hanno individuato parecchi casi virtuosi: questi sono il risultato di una multidimensionalità integrata e coerente, piuttosto che di un fattore singolo. Bisogna quindi spostare il focus dalla questione dimensionale in sé, alle variabili organizzative decisive: i fattori intra e inter organizzativi, il ruolo dell’imprenditore, le configurazioni manageriali e gestionali che possono spiegare le diversità di prestazione e competitività della popolazione delle PMI (99% delle imprese in Italia). Le 3 chiavi di lettura sono:

la configurazione strategica (e le strategie di posizionamento competitivo)

il ciclo di vita (la storia dell’impresa)

i distretti (tradizionali, internazionalizzati, i sistemi produttivi locali)

1° chiave: la configurazione strategica

Le scelte strategiche riguardano aspetti collegati alla coerenza tra caratteristiche interne all’organizzazione e ambiente esterno. In una ricerca condotta su 500 imprese con più di 19 addetti e fatturato ≥ 3 mln Eur sono emersi 7 profili PMI con differenze significative sui piani strategico, organizzativo, tecnologico, operativo:

Piccole schegge vitali: molto dinamiche, innovative, management giovane, network, scarsa propensione a operare all’estero.

Good Players: governance fortemente centrata sul fondatore e famighlia, propensione all’innovazione, qualche attività estera.

Capitalismo famigliare ad elevata intensità di innovazione incrementale.

Segmenti bassi della filiera: dipendenti da altre imprese, molto distanti dal mercato finale, scarsa innovazione e basso fatturato.

Piccolo e medio capitalismo: bassissima innovazione, piccola dimensione, perdita di competitività, subfornitura.

A rischio di competitività: comparti manifatturieri maturi, strategie di mercato non efficaci.

Innovatori in crisi: innovazione imitativa e poco organica, strategia inefficace.

L’elemento chiave che spiega maggiormente il ritardo sembra essere la persistenza a dare risposte tradizionali a un mercato e domanda divenuti dinamici e molto diversificati, insomma le “non scelte” di posizionamento strategico. Tuttavia molte attivano network internazionali (metadistretti), implementano strategie di nicchia che valorizzano la piccola dimensione attraverso capacità manageriali, focus su innovazione e visione di mercato.

Nei prossimi articoli le altre due chiavi e le conclusioni sui fattori determinanti della competitività.

Non vi è ancora nessun commento, ma puoi aggiungerne uno qui di seguito.


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Testimonianze

Di Maria Teresa mi ha colpito da subito la capacita' di mettere a proprio agio l'interlocutore, di capire e ascoltare, di "approfondire" senza invadere, di suggerire senza imporre e di aiutare a "mettere in ordine" le idee gia' proprie. Anche l'approccio col team da me gestito, confermando le prime impressioni, e' stato improntato ad alta professionalita', utile e concreta, ma sempre in un clima di grande cordialita' e fiducia, quasi si fosse in famiglia.
Riccardo Benini
Human Resources Country Manager Hewlett-Packard Italia
Ho avuto modo di apprezzare la grande professionalità e umanità di Maria Teresa Paladino durante un periodo difficile della mia vita. Le sarò sempre grata per avermi aiutato.
Desiree Della Volta
Giornalista
La cosa secondo me piú rappresentativa che il nostro gruppo ha sviluppato con te è ricordarsi di fermarsi e pensare a cosa si sente nei momenti che precedono la guerra interiore e che manifesta poi il peggio di noi. .....Quello che piú mi ha colpito, è quell'energia positiva che trasmetti. É una carica interiore che parte dai piedi e arriva fino all'ultimo capello. L'ho sentita anche in quell'ultimo nostro incontro, e devo dire che ho fatto un po' di scorta...
Stefania Basso
Capo reparto
Ho avuto modo di lavorare con Maria Teresa in diversi momenti del mio percorso lavorativo. Maria Teresa mi ha aiutato nel vedere possibilita’ di crescita e sviluppo in fasi importanti di cambiamento della mia carriera. La grande sensibilita’, l’empatia, la capacita’ di ascolto e la chiarezza rendono Maria Teresa un coach eccezionale e di grande impatto. Posso dirmi veramente fortunato ad avere lavorato con lei in questi anni.
Andrea Lelli
Global Rewards & Recognition Director at Avanade
Quando l’azienda per cui lavoro mi ha dato la possibilitá di intraprendere un percorso di coaching, la mia richiesta era stata quella di avere un professionista in grado di aiutarmi a vedere ció che non vedevo sostenendo anche un contraddittorio forte se necessario. Con l’aiuto di Maria Teresa non solo sono riuscita a sgomberare le nuvole dal mio cielo, ma ho interiorizzato un senso di serenitá che mi consente oggi di affrontare le sfide quotidiane in modo piú razionale, meno emotivo e senza addossarmi responsabilitá che non mi competono e che generavamo in me un senso di frustrazione. Il percorso é stato a volte faticoso perché ha richiesto un approfondimento interiore a tratti doloroso. L’esperienza di Maria Teresa, la sua paziente capacitá di ascolto e mai di giudizio e la sua capacitá di guida nel ragionamento, mi ha permesso di trovare la strada verso uno stato di maturitá che da sola avrei faticato a raggiungere. Chiunque si trovasse in una situazione di stallo o di semplice incapacitá di prendere una decisione, dovrebbe valutare un percorso di coaching. Avere Maria Teresa al proprio fianco, puó fare la differenza.
Elisa Filippone
Senior Director of Management Accounting VF Corporation
Dopo gli incontri con M.Teresa sono rimasta affascinata, complice sicuramente la sua professionalità e la vastità della materia. E' incredibile come una perfetta "sconosciuta" sia riuscita in meno di mezz'ora ad entrare nel tuo "io" senza quasi farsi accorgere...e senza possibilità di nascondersi....E' stata una bella esperienza, sono contenta di aver avuto l'occasione di conoscere meglio i miei colleghi e spero di portarne i benefici anche sul campo lavorativo....perché su quello personale ci sono già!
Antonella Gnocchi
Encoder Dep. Manager
In due sole giornate di formazione sull'assertività a cui ho partecipato è riuscita a farmi identificare i punti deboli della mia comunicazione e del mio relazionarmi con il personale della mia azienda, lasciandomi alla fine tutte le armi migliori per poter impostare dei rapporti più chiari anche con i personaggi più difficili.
Laura Cega
Mebro CDA Immobiliare Peonia Rosa Srl
Maria Teresa ha la rara capacita' di spiegarti con chiarezza concetti e metodologie, e di farti partecipare con passione agli eventi che gestisce con professionalità. Con lei vai a fondo delle problematiche e cerchi dentro di te le risorse per risolverle.
Fabio Gabbiani
Responsabile Formazione e Sviluppo Hewlett-Packard Italia
Finalmente, nella giungla degli "pseudo" conoscitori della personalità umana, una nuova visione sincera e passionale ma soprattutto efficace e portatrice di risultati.
Roberto Dupraz
Gruppo Faulhaber

2 steps to become more assertive!

Take the quiz, discover your style and LEARN TO BE MORE ASSERTIVE reading the GUIDE!

2 passi per acquisire maggiore assertività!

Fai il quiz, scopri il tuo stile e impara ad ACQUISIRE più ASSERTIVITA’ guardando il video!