Skip to content

Aziende resilienti 4 – Quale mercato?

13.12.2022

Nel precedente articolo “Aziende resilienti 3” ho esposto il pensiero di Hobsbawm secondo cui il capitalismo (inteso come modalità di organizzare l’economia) ha iniziato a segare il ramo su cui siede ormai a partire dai lontani anni ’70, e di come l’economia si sia scissa dall’etica e dalla morale. Proseguendo nel ragionamento, pesco a larghe mani dall’articolo di Fabio Ranchetti “L’individuazione del valore dal punto di vista economico” (dalla rivista Spunti dello Studio di Analisi Psicosociologica), che ci porta a riflettere sulla necessità di riprendere una prospettiva che integra l’economia con l’etica e la morale.

Per far questo, egli parte dal considerare il concetto di valore, termine che ha sempre indicato fin dall’antichità tutto ciò che viene per qualche ragione apprezzato. La parola ‘valore’ pone immediatamente un problema: sono le cose che valgono in sé e per sé, oppure noi attribuiamo valore a cose che per se stesse potrebbero essere anche insignificanti, o addirittura essere dei non-valori? È intanto evidente che occorre distinguere, parlando di valore, tra una posizione soggettiva e una oggettiva, e non confondere le due.

Detto questo, il punto di vista dell’economia, riguardo al concetto di valore, è parziale, perché incorpora una determinata concezione del mondo. Tanto per cominciare non esiste una sola teoria economica, ma ce ne sono diverse, ognuna riguardante diverse concezioni del mondo o, se vogliamo, differenti filosofie. Riguardo al tema del valore, possiamo distinguere due grandi teorie economiche: quella classica del valore-lavoro, e quella moderna e contemporanea del valore-utilità (o scarsità).

Per la prima, il valore delle cose deriva dal fatto che sono prodotto del lavoro umano; l’attività produttiva umana, rivolta alla produzione di merci e quindi di valore, è un’attività conforme a scopi, quindi nei prodotti sono inclusi i fini, cioè gli aspetti soggettivi dell’attività umana. Secondo la teoria classica, le merci e i servizi valgono in quanto prodotto del lavoro umano. L’insieme di merci e servizi costituiscono la ricchezza delle società, quindi alla base della ricchezza sociale c’è il lavoro: il lavoro è la ‘causa’ della ricchezza sociale. Dietro a questa teoria del valore-lavoro c’è la filosofia per cui solo l’individuo che lavora acquisisce cultura e potere, chi non lavora diviene ‘povero’ e ‘servo’.

Secondo la teoria economica moderna e contemporanea invece, le cose e i servizi hanno valore in quanto sono scarsi, cioè nello stesso tempo utili e disponibili in quantità limitata. Per questa teoria economica, utilità significa la capacità di soddisfare un qualsiasi bisogno o desiderio di un qualche soggetto, ed è assolutamente irrilevante la qualità morale o ideale della cosa o del fine per cui viene ricercata. La teoria economica moderna separa nettamente i fini dai mezzi: si limita a considerare l’appropriatezza o meno delle cose in quanto mezzi rispetto a tali fini (razionalità strumentale: ovvero come ottengo X con i mezzi che ho ad un costo minimo), considerando i fini come un fattore esterno alla teoria, che non entra quindi in considerazione. Quindi questa teoria è la teoria della scelta razionale in presenza di scarsità. La concezione del mondo che sta dietro essa è quella dell’utilitarismo: l’essere umano sceglie sempre ciò che gli procura maggiore felicità o utilità (vedi il mio post aziende resilienti 3).

E veniamo ai punti della teoria economica contemporanea che hanno rilevanza col nostro tema. Il primo punto riguarda cos’è il mercato, cosa può fare e cosa non può fare. Il mercato non è l’unico modo per organizzare e regolare l’attività economica e i rapporti economici: prima dell’avvento del capitalismo e della rivoluzione industriale, sono esistite società senza mercato o con un mercato con funzione non predominante. Il mercato è divenuto forma sociale dominante solo quando tutti i prodotti e le attività sono diventate merci, e i rapporti sociali sono diventati completamente subordinati a quelli mercantili. Il mercato è diventato il ‘cemento’ della società, una “mano invisibile” che guida e conduce gli individui a realizzare, inconsapevolmente e senza volerlo, il benessere generale. È il mercato che fa sì che gli sforzi individuali ed egoistici non conducano ad un caos generale bensì ad un equilibrio generale.

A questo punto Ranchetti solleva tre domande cruciali:

Perché il mercato è una cosa così positiva?

Quali sono, se ci sono, i limiti del mercato? Ovvero:

qualsiasi attività umana deve necessariamente rientrare in una forma ‘mercato’ per produrre il miglior risultato, oppure ci sono delle attività che potrebbero svolgersi meglio se la loro organizzazione non fosse affidata al mercato?

Le risposte nel prossimo articolo, “aziende resilienti 5”.

Non vi è ancora nessun commento, ma puoi aggiungerne uno qui di seguito.


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Testimonianze

Quando l’azienda per cui lavoro mi ha dato la possibilitá di intraprendere un percorso di coaching, la mia richiesta era stata quella di avere un professionista in grado di aiutarmi a vedere ció che non vedevo sostenendo anche un contraddittorio forte se necessario. Con l’aiuto di Maria Teresa non solo sono riuscita a sgomberare le nuvole dal mio cielo, ma ho interiorizzato un senso di serenitá che mi consente oggi di affrontare le sfide quotidiane in modo piú razionale, meno emotivo e senza addossarmi responsabilitá che non mi competono e che generavamo in me un senso di frustrazione. Il percorso é stato a volte faticoso perché ha richiesto un approfondimento interiore a tratti doloroso. L’esperienza di Maria Teresa, la sua paziente capacitá di ascolto e mai di giudizio e la sua capacitá di guida nel ragionamento, mi ha permesso di trovare la strada verso uno stato di maturitá che da sola avrei faticato a raggiungere. Chiunque si trovasse in una situazione di stallo o di semplice incapacitá di prendere una decisione, dovrebbe valutare un percorso di coaching. Avere Maria Teresa al proprio fianco, puó fare la differenza.
Elisa Filippone
Senior Director of Management Accounting VF Corporation
Ho avuto modo di apprezzare la grande professionalità e umanità di Maria Teresa Paladino durante un periodo difficile della mia vita. Le sarò sempre grata per avermi aiutato.
Desiree Della Volta
Giornalista
Ho avuto modo di lavorare con Maria Teresa in diversi momenti del mio percorso lavorativo. Maria Teresa mi ha aiutato nel vedere possibilita’ di crescita e sviluppo in fasi importanti di cambiamento della mia carriera. La grande sensibilita’, l’empatia, la capacita’ di ascolto e la chiarezza rendono Maria Teresa un coach eccezionale e di grande impatto. Posso dirmi veramente fortunato ad avere lavorato con lei in questi anni.
Andrea Lelli
Global Rewards & Recognition Director at Avanade
In due sole giornate di formazione sull'assertività a cui ho partecipato è riuscita a farmi identificare i punti deboli della mia comunicazione e del mio relazionarmi con il personale della mia azienda, lasciandomi alla fine tutte le armi migliori per poter impostare dei rapporti più chiari anche con i personaggi più difficili.
Laura Cega
Mebro CDA Immobiliare Peonia Rosa Srl
Dopo gli incontri con M.Teresa sono rimasta affascinata, complice sicuramente la sua professionalità e la vastità della materia. E' incredibile come una perfetta "sconosciuta" sia riuscita in meno di mezz'ora ad entrare nel tuo "io" senza quasi farsi accorgere...e senza possibilità di nascondersi....E' stata una bella esperienza, sono contenta di aver avuto l'occasione di conoscere meglio i miei colleghi e spero di portarne i benefici anche sul campo lavorativo....perché su quello personale ci sono già!
Antonella Gnocchi
Encoder Dep. Manager
Di Maria Teresa mi ha colpito da subito la capacita' di mettere a proprio agio l'interlocutore, di capire e ascoltare, di "approfondire" senza invadere, di suggerire senza imporre e di aiutare a "mettere in ordine" le idee gia' proprie. Anche l'approccio col team da me gestito, confermando le prime impressioni, e' stato improntato ad alta professionalita', utile e concreta, ma sempre in un clima di grande cordialita' e fiducia, quasi si fosse in famiglia.
Riccardo Benini
Human Resources Country Manager Hewlett-Packard Italia
Maria Teresa ha la rara capacita' di spiegarti con chiarezza concetti e metodologie, e di farti partecipare con passione agli eventi che gestisce con professionalità. Con lei vai a fondo delle problematiche e cerchi dentro di te le risorse per risolverle.
Fabio Gabbiani
Responsabile Formazione e Sviluppo Hewlett-Packard Italia
La cosa secondo me piú rappresentativa che il nostro gruppo ha sviluppato con te è ricordarsi di fermarsi e pensare a cosa si sente nei momenti che precedono la guerra interiore e che manifesta poi il peggio di noi. .....Quello che piú mi ha colpito, è quell'energia positiva che trasmetti. É una carica interiore che parte dai piedi e arriva fino all'ultimo capello. L'ho sentita anche in quell'ultimo nostro incontro, e devo dire che ho fatto un po' di scorta...
Stefania Basso
Capo reparto
Finalmente, nella giungla degli "pseudo" conoscitori della personalità umana, una nuova visione sincera e passionale ma soprattutto efficace e portatrice di risultati.
Roberto Dupraz
Gruppo Faulhaber

2 steps to become more assertive!

Take the quiz, discover your style and LEARN TO BE MORE ASSERTIVE reading the GUIDE!

2 passi per acquisire maggiore assertività!

Fai il quiz, scopri il tuo stile e impara ad ACQUISIRE più ASSERTIVITA’ guardando il video!